Pubblicati gli elenchi delle Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione

16 maggio 2016
Pubblicati gli elenchi delle Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione
Botteghe di Mestiere e dell'Innovazione Tra 20 giorni al via le iscrizioni dei giovani
Immagine della notizia

Pubblicati oggi - sul sito di Italia Lavoro - gli elenchi delle Botteghe di Mestiere e dell'Innovazione ammesse al progetto al termine dell’istruttoria. Delle quasi 1000 candidature arrivate, 311 sono risultate ammissibili e di queste 94 saranno finanziate dal progetto con i 5,2 milioni di euro messi a disposizione nell’avviso.

La distribuzione per settore e filiera delle imprese che parteciperanno vede una netta maggioranza dell’enogastronomia, con una percentuale di oltre il 53%, seguita dal settore della grande distribuzione organizzata (14,3), da quello della meccanica (11,4), dell’abbigliamento e della moda (oltre il 10%), del legno e dell’arredo (quasi 5%), fino a settori con percentuali minori quali l’artigianato artistico, la cantieristica navale e la stampa. Una conferma di come in Italia le specificità della nostra produzione economica e industriale si organizzano in filiere di piccole e medie imprese, che sono valorizzate appunto in questo progetto e all’interno delle quali si trasmette quel sapere che contraddistingue lo stesso Made in Italy.

I giovani tra i 18 e i 35 anni (non compiuti), che si candideranno e saranno selezionati per un percorso di tirocinio, saranno formati al fine di esercitare le professioni previste dall’avviso per le diverse tipologie di bottega. Questo anche attraverso l’utilizzo delle più avanzate tecnologie della produzione e della comunicazione. Il progetto fornisce, a imprese e artigiani, l’opportunità di attivare specifici percorsi di tirocinio, al fine di consentire la trasmissione di competenze tecnico-professionali alle nuove generazioni, per favorire il ricambio generazionale ed eventualmente un futuro inserimento lavorativo: si inserisce infatti nella scia del precedente Botteghe di Mestiere, che ha portato a importanti risultati sul fronte occupazionale.

I tirocini disponibili sono circa 940 e i giovani potranno iscriversi a partire dall’inizio del mese di giugno.

Le botteghe risultate ammesse avranno tempo fino al prossimo 31 maggio per formalizzare i raggruppamenti. Per ciascun tirocinante, le aziende percepiranno 250 euro al mese per un massimo di 6 mesi. Ai soggetti capofila, promotori dei tirocini, verrà riconosciuto un contributo complessivo di 500 euro per ciascun giovane che abbia completato un percorso di tirocinio di durata semestrale. I giovani percepiranno mediamente 500 euro al mese, fatti salvi possibili scostamenti motivati dalle legislazioni regionali in materia.